GUNUNG PADANG

- a cura del CENTRO STUDI arya -

Gunung Padang (che nella lingua locale significa “la Montagna della Illuminazione”) è un sito megalitico che si trova in Indonesia, nel villaggio di Karyamukti, nella reggenza di Cianjur, West Java, 50 km a sud-ovest della città di Cianjur e a 6 chilometri dalla stazione Lampegan. E il più grande sito megalitico nel sud-est asiatico attualmente conosciuto: l’area che lo riguarda si estende per circa 25 ettari.

Si cominciò a parlare di questo sito dopo un sisma avvenuto a circa quattro miglia a nord, nel 2011; la squadra che fece le prime scoperte era formata da personale specializzato per l’assistenza sociale e le catastrofi naturali.

Situato a 885 metri sul livello del mare, il sito si estende su una collina che presenta una serie di terrazze delimitate da muri in pietra, a cui si accede per passi successivi, per un totale di circa 400 gradini.

Una seria indagine è stata condotta nel 2012 dalla quale sono emersi diversi elementi di rilevante importanza. Secondo la datazione radiometrica al carbonio, il sito risale a 6.500 anni fa, mentre la sezione che si trova dai 3 o 4 metri sotto la superficie agli 8-10 metri, risalirebbe a 12.500 anni fa (d'altro canto, le rilevazioni al radiocarbonio suggerirono che la struttura risale a 16.000 anni fa). La costruzione della parete di terrazze è simile al Machu Pichu in Perù. Il lato sud presenta 5 terrazze di pietra (vedi disegno qui in basso: i numeri romani indicano le cinque terrazze), mentre il lato est dispone di 100 terrazze in pietra con larghezza e altezza 2x2 metri; anche nel lato ovest vi sono terrazze in pietra, ma ancora coperte da terra e vegetazione; terrazze sono presenti pure nella parte nord, oltre a una scala di 1,5 metri di larghezza.

disegno sito

Sulla base di dati geoelettrici, georadar e geomagnetici, fino a 15 metri sotto la superficie si rilevano grandi camere. L’immagine radar mostra che la collina nasconde enclavi di roccia che assomigliano a santuari. Se questa ipotesi risultasse corretta, allora l’edificio che è stato dimenticato per migliaia di anni sarà simile alle piramidi egizie, con una età stimata tra i 6.700 e i 13.000 anni fa. Confrontata all’età delle piramidi di Giza (risalenti a 5.500 anni fa), la scoperta è sbalorditiva. Ma la ricerca è ancora alle prime fasi. È per questo che alcuni geologi continuano a mantenersi prodenti circa la scoperta della “piramide”, non escludendo un’origine naturale, sebbene quest’ultima si tratti di un’ipotesi che va facendosi sempre meno probabile. Nel mese di marzo 2013, infatti, un nuovo team di archeologi ha effettuato una serie di scavi e di misurazioni geoelettriche sul fianco orientale della collina, rilevando una struttura di pietre disposte orizzontalmente; il coordinatore delle ricerche (il geologo Danny H. Natawidjaja) ha dichiarato che «non può trattarsi di una disposizione naturale», come confermato poco dopo anche dal prof. Ali Akbar della Indonesian University. Inoltre, il mese successivo il prof. Andang Bachtiar (responsabile del team della Indonesian Association of Geologistics Center) ha messo in rilievo la presenza nel sito di materiale cementizio composto da minerale di ferro (per il 45%) e da silice (41%), mentre il restante 14% è argilla. «Un’ottima composizione per cementificare», ha osservato Danny Natawidjaja che, ha aggiunto Andang, richiede buone conoscenze metallurgiche, soprattutto per l'estrazione e l'utilizzo del ferro. L’analisi radiometrica di alcuni campioni di cemento è stata effettuata da uno dei laboratori più prestigioni del mondo, il Betalab di Miami (U.S.A.) e la datazione che ne risulta corrisponde a 12-13 mila anni fa. «Non è escluso che l’arcipelago indonesiano abbia ospitato una civiltà antica quanto l’egizia, se non addirittura più vetusta» ha concluso Natawidjaja.

Aprile 2013

P.S.: Il geologo Danny Hilman è convinto si tratti della più antica piramide del mondo. Dopo alcune rilevazioni effettuate nel mese di maggio (2013), ha dichiarato: «La struttura ha almeno 9 mila anni e potrebbe averne perfino 20 mila. È folle, ma questo è quanto si desume dalle rilevazioni». Aggiungendo: «Riteniamo che la costruzione interna presenti molteplici livelli. In genere, si è condotti a ritenere che l’età preistorica sia stata primitiva, ma questo monumento dimostrerebbe il contrario.»

 


AGGIORNAMENTI

  • 1) Gennaio 2014:
    Le ultime rilevazioni scientifiche effettuate segnalano la presenza di strutture realizzate dall'uomo a circa 50 metri di profondità, le quali risalirebbero a circa 25.000 anni fa! «Tutto quello che ci è stato insegnato sull’origine della civiltà potrebbe essere sbagliato», ha affermato Danny Natarawidjaja (citato nel nostro articolo), direttore dello Indonesian Institute of Sciences. 
    Durante l’ultima era glaciale, l’Inghilterra era unita all’Europa, lo Sri Lanka all’India, la Siberia all’Alaska, l’Australia alla Nuova Guinea. Allo sciogliersi dei ghiacci, il livello degli oceani è salito, sommergendo probabilmente anche la mitica terra di Sund, di cui solo la penisola della Malaysia e le isole dell’Indonesia sarebbero rimaste sopra il livello del mare.
    Ormai Natarawidjaja non ha più dubbi: «Gunung Padang non è una collina naturale ma una piramide costruita dall’uomo, le cui origini sono precedenti la fine dell’ultima era glaciale. L’opera è grandiosa e perfino nei suoi livelli più profondi reca la testimonianza di un’abilità costruttiva assai sofisticata, la medesima utilizzata più tardi per costruire le piramidi egizie o i maggiori complessi megalitici d’Europa; da ciò posso solo concludere che ci troviamo di fronte all’opera di una civiltà perduta, altamente evoluta.»
    Quando è stato chiesto a Natarawidjaja il motivo per cui le ricerche procedono così a rilento, egli ha parlato di alcuni “ostacoli” e, su richiesta di maggiore precisione, ha spiegato che un gruppo di affermati archeologi internazionali sta facendo pressioni sul governo di Giacarta per impedire qualunque ulteriore approfondimento in materia, dato che loro hanno stabilito (?!?) che il sito risale a 5000 anni fa e pertanto non esiste alcuna giustificazione a proseguire i lavori. Il mondo è stanco di sapientoni che ostacolano il progresso della conoscenza perché indisposti a essere contraddetti!
  • 2) Agosto 2014:
    A dispetto di tutte le difficoltà e dei continui impedimenti da parte del mondo accademico, prezzolato e retrivo, il 21 agosto 2014 — dopo avere individuato alcune possibili zone di accesso alle camere interne — sono iniziati gli scavi, diretti dall'inarrendevole geologo Natarawidjaja.